È nato nel 2003, ma ha preferito assestarsi con un periodo di rodaggio, prima di iscriversi ufficialmente nel 2004 alla Camera di Commercio. Stiamo parlando del consorzio TS Group, che raduna alcuni distributori di attrezzature; Daniele Bonvicini, il suo presidente, ci racconta la storia e le prospettive future del gruppo.

 

Si dice che un’iniziativa fortunata nasca sotto una buona stella, questa invece è nata sotto una bella palma. Non è un gioco di parole, ma forse la fortuna non c’entra. C’entrano invece la mentalità imprenditoriale, l’entusiasmo, la volontà di crescere e la professionalità di un gruppo di distributori di attrezzature per officine che nell’aprile 2003, all’ombra di una palma, appunto, nell’isola Saona (viaggio premio nella Repubblica Domenicana organizzato dalla Tecnotest), hanno deciso di creare TS Group.

Si tratta di un consorzio nato dalla volontà di offrire al mercato qualcosa di nuovo, sfruttando il ruolo di naturale intermediario fra chi le attrezzature le produce e chi le utilizza. Lo scopo è quello di offrire un servizio completo agli autoriparatori: dalla vendita delle attrezzature all’assistenza tecnica, dalla formazione, alla taratura degli strumenti fino alla progettazione e al layout dell’officina stessa. Ma l’impegno non nasce da un’esigenza economica, bensì dalla consapevolezza che un servizio di qualità non è solo necessario per restare competitivi sul mercato, ma anche per trarre maggiore soddisfazione dal proprio lavoro. Soprattutto in questo caso, perché il consorzio non ha scopi di lucro e ciò che rimane dopo aver pagato le spese viene devoluto in beneficienza, per progetti concreti e selezionati di volta in volta. Il consorzio, tende a sottolineare con forza il suo presidente, Daniele Bonvicini, non è un gruppo di acquisto, ma di vendita, nato per offrire un servizio aggiuntivo alla semplice vendita del prodotto.

UNA PROPOSTA COMPLETA

Il fulcro attorno al quale si sono raggruppati i dieci soci fondatori è Tecnotest, nota azienda di Parma produttrice di attrezzature diagnostiche nel campo della climatizzazione, analisi delle emissioni nocive, controlli di sicurezza e per il check-up dei sistemi elettronici facente parte del gruppo SPX Corpora- tion. TS Group è stato costituito, infatti, da alcuni distributori di attrezzature di questa azienda, che ai prodotti Tecnotest affiancano anche altri marchi e strumenti, per arrivare a proporre una gamma di attrezzature davvero ampia e completa: dall’analizzatore gas di scarico allo strumento di autodiagnosi, dai sistemi di aspirazione fumi agli utensili, dai ponti sollevatori ai generatori di azoto, dagli estrattori agli impianti di lavaggio, eccetera. L’idea è quella di ottimizzare le risorse e proporsi al cliente come punto di riferimento unico, con una gamma di attrezzature di qualità e con un bagaglio di anni di esperienza nel settore che tutti i soci possono vantare. Il cliente di riferimento è l’autoriparatore: dalla piccola officina indipendente alle reti organizzate fino alle concessionarie. Ovviamente, chi ha una struttura più grande è anche chi può aver maggior necessità di riferirsi a un unico rappresentante che possa fornirgli gli strumenti di lavoro più diversificati. Così come chi ha una struttura più piccola, ha maggior bisogno del ruolo di interfaccia del consorzio e soprattutto dei servizi che può offrire.

Gli associati TS Group

  • Tecno – Nuertingen (Germania)

  • Tiesse Equipment – Villaricca (NA)

  • Di Bella Utensili – Aci S. Antonio Catania

  • Inform Car – Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD)

  • Alquati Autoservices – Castenedolo (BS)

  • Tecnoservice – Roma

  • SI.MAT. di Simone Matteo – Bisceglie (BA)

  • Tecno System di Beltramini E. – Besozzo (VA)

  • Svimm – Olmo di Creazzo (VI)

  • Corade – Firenze

IL SERVIZIO DI TARATURA

Un’importante novità introdotta da TS Group è il servizio di taratura degli strumenti. Non tutti, non sempre, prestano la dovuta attenzione a questa tipologia di manutenzione delle apparecchiature e non effettuano con regolarità il controllo necessa- rio. Invece, soprattutto in questa situazione di cambiamento del mercato, e per approfittare delle pos- sibilità offerte da legge Monti e normativa sulla garanzia, diventa fondamentale utilizzare degli strumenti che possano rispondere ai requisiti necessari per effettuare una riparazione a “regola d’arte”. Non basta, infatti, utilizzare i ricambi originali o quelli certificati come equivalenti, ma è necessario anche servirsi di attrezzature idonee ed efficienti. E l’unico modo per poter dimostrare di avere uno strumento adeguato e in condizioni ottimali è certificarne la capacità di misurazione effettuando una regolare calibrazione dello strumento stesso. L’esempio più classico è quello del manometro: dopo un certo periodo, questo strumento tende a perdere in precisione e quando la tolleranza di misura va oltre i parametri prefissati, è necessario provvedere alla dovuta ritaratura.

Daniele Bonvicini – Presidente

TS Group ha stipulato un accordo con un importante laboratorio specializzato in taratura e certifica- zione degli strumenti e propone ai suoi clienti questo servizio a condizioni vantaggiose. Per il singolo, infatti, rivolgersi direttamente a un laboratorio può rappresentare un investimento troppo oneroso, e molti per questo rinunciano, perdendo una possibilità importante di essere competitivi sul mercato. TS Group si propone come il primo gruppo omogeneo che offre questo servizio: si tratta di un’importante iniziativa e di un impegno anche gravoso, ma che sicuramente si rivelerà nel tempo una proposta mol- to apprezzata e sfruttata dalle officine.

I corsi

TS Group propone una serie di corsi, organizzati in di- versi argomenti e livelli, al fine di offrire agli autoripara- tori la formazione e gli aggiornamenti necessari a svolgere gli intereventi con la massima professionalità. A puro titolo dimostrativo riportiamo il calendario corsi per il 2005, segnalando che si tratta di un programma indicativo, che può essere modificato e personalizzato in base alle richieste che di volta in volta esprimono gli autoriparatori.

  • Diesel – step 1 (impianti d’iniezione e applicazioni su vetture fino al 2004; Common rail Bosch e Delphi, si- stema iniettore pompa, ecc.);

  • Diesel – step 2 (Common rail Bosch di prima e secon- da generazione, Multijet, iniettore pompa, ecc.);

  • benzina (iniezione elettronica);

  • elettronica (elementi base ed elettronica avanzata);

  • climatizzazione (elementi di base e diagnostica);

  • veicoli commerciali (iniezione Diesel Common rail);

  • autocarri (iniezione Diesel Common rail e iniettore pompa).

LA FORMAZIONE

Un altro servizio fondamentale per gli autoriparatori, soprattutto per quelli che non hanno alle spalle un network a cui appoggiarsi, è quello della formazione. TS Group, infatti, anche in questo fa da tramite tra i produttori e gli utilizzatori di attrezzature, tanto che una conso- ciata si occupa esclusivamente di corsi di formazione e aggiorna- mento, non solo sugli strumenti, ma anche sulle nuove tecnologie applicate all’auto. Ci teniamo a sottolineare che il costante aggiornamento in un settore così lega- to all’innovazione diventa indispensabile. Nell’ottica di una maggiore liberalizzazione del mercato dell’autoriparazione (il riferimento è sempre alla legge Monti e alla possibilità per l’indipendente di effettuare riparazioni su auto ancora in garanzia), è ancora più importante essere aggiornati non so- lo sui sistemi utilizzati nei modelli auto che circolano già da qualche anno, ma anche sulle novità del mercato. Certo, non è facile per chi lavora tutto il giorno in officina andare, magari alla sera o duran- te il weekend, a seguire un corso di formazione, che sia di carattere tecnico su uno strumento o mana- geriale, sulla gestione dell’officina. Però è impor- tante per chi vuole continuare a fare il proprio me- stiere con la necessaria competenza. E l’autoripara- tore che ha una mentalità imprenditoriale lo sa e si comporta di conseguenza, effettuando il necessario investimento in tempo e denaro. L’esperienza diretta dei soci del consorzio ci conferma che sono sempre di più i titolari di officina disposti a investi- re in questo senso e sicuramente ciò è un buon se- gnale per il mercato indipendente.

Inoltre, a conferma non solo dell’impegno, ma anche dell’entusiasmo e della propositività del gruppo, TS Group sta puntando anche su chi ancora non è un autoriparatore, ma presto lo diventerà. Infatti, presso l’istituto professionale IPSIA di Varese, il consorzio ha organizzato un corso teorico – pratico per responsabile tecnico di una linea di revisione, destinato agli alunni delle classi quarte e quinte. Si tratta di un accordo privato fra il consorzio e l’istituto, che sicuramente offre ai ragazzi un primo importante approccio al mondo del lavoro.

La novità: il simulatore stradale

L’esperienza dei soci e la loro capacità di dare risposte concrete alle esigenze del mercato hanno dato vita a un progetto assieme alla Tecnotest per la realizzazione di un prodotto innovativo: il simulatore stradale. Si tratta di un sistema che permette all’autoriparatore di effettuare il collaudo di un’auto senza spostarsi dall’officina, così da verificare lo stato della vettura, della riparazione effet- tuata e la riprogrammazione dei parametri della centrali- na per l’autodiagnosi. Il simulatore permette di far gira- re le quattro ruote su dei rulli fino a 600 KW di potenza frenata. La prova si svolge così in piena sicurezza per l’operatore, ma con una precisione uguale se non addi- rittura superiore rispetto alla classica prova su strada. Ulteriori punti a favore del simulatore sono la sua eco- nomicità rispetto a un banco prova e la praticità d’in- stallazione: in sole due ore e senza alcuna necessità di opere edili, può essere posizionato sul piazzale esterno di un’officina. TS Group si ripropone di completare que- st’offerta con un corso adeguato per la creazione della figura professionale del collaudatore.

di Cristina Palumbo – Notiziario attrezzature